La creatività, caratteristica della Coscienza, è la chiave per liberare la nostra energia vitale e investirla nel raggiungimento degli obiettivi che ci stanno più a cuore.

Albeggia e la luce comincia a entrare dalla finestra. La sveglia suona e ti alzi per affrontare con ottimismo la giornata. Ti prepari, vai al lavoro, fai una sana pausa pranzo con cibi sani e naturali e poi riprendi il tuo lavoro. Torni a casa per cena e poi esci con gli amici per un po’ di svago. È già notte fonda quando ti rimetti a letto felice della tua giornata. #repeat#

Ci possono essere diverse varianti di una giornata tipo: professione, orario, cibo, vestiario, tipo di svago e persino emozioni, ma tutto si volge all’interno di un programma dal quale è davvero difficile uscire, non per colpa tua, ma perché gli algoritmi di questa realtà che chiamiamo vita sono molto rigidi e ben criptati.

Ci sono molti programmi già strutturati che guidano la nostra esistenza, alcuni interferiscono sul singolo individuo, altri coinvolgono l’intera razza umana, dal vivere quotidiano alla storia dell’umanità nella sua interezza: ti innamori-ti sposi-fai-figli-avrai-nipoti; studi-ti laurei-fai-carriera-vai-in-pensione; nasci-cresci-invecchi-muori. Sono solo sparuti esempi di una serie molto più ampia, variegata e fantasiosa, ma hanno tutti lo stesso scopo: distrarti dal farti capire che sei dentro a un videogioco e che ne potresti uscire per fare qualcosa di meglio.

Ci sono distrazioni di ogni tipo: lo sport, l’happy hour, gli hobby, le vacanze, lo studio. Se non ti piace il calcio, c’è il basket, il tennis, il nuoto e persino il golf. Non manca proprio niente per soddisfare tutti i gusti umani; il fine è farti ingannare il tempo fino al suo ultimo esaurimento, perché alla fine è lì che si arriva. È però importante che all’interno di questi programmi si soffra un po’, magari per qualche separazione, fallimento sul lavoro, una perdita in famiglia, una malattia, un amico che ti tratta male, un’indigestione, un mancato riconoscimento. Va tutto bene. L’essenziale per il sistema operativo è che ogni programma porti un po’ di sofferenza perché è l’energia di cui il videogioco ha bisogno per continuare a funzionare. Anche la paura e la rabbia sono un ottimo carburante, e infatti il pianeta ne è pieno.

Se qualcuno ti ferisce, ferisci di più; se qualcuno ti picchia, picchia più forte; se fallisci un tentativo, arrenditi, e sentiti per tutta la vita un incapace. Non ti preoccupare, è solo un altro programma in azione. Gandhi ci aveva avvisato che se si segue la legge dell’occhio per occhio si finisce per diventare tutti ciechi; ma intanto il videogioco prospera. Lui brilla di luce nostra, mentre noi ci spegniamo consumando la nostra energia vitale.

Nel videogioco non c’è un programma che ti dice che non sei solo un corpo e che dentro di te c’è una parte divina potentissima e immortale. Non ti dice che dopo lo spegnersi del tuo corpo potresti continuare un’evoluzione che non conosce limiti. Non ti dice neanche che bisogna allenarsi e fare esercizio in vita perché, una volta nell’oltre, i “programmatori” hanno messo test e trabocchetti per rimetterti ancora una volta nel videogioco. Ti dà tutte le distrazioni possibili per tenerti lontano dal prendere consapevolezza della verità.

È un videogioco molto ben congegnato, incredibilmente preciso nei suoi algoritmi, diabolicamente perfetto nel raggiungere i suoi scopi. Ci sono programmi anche per ingannare chi vuole intraprendere un percorso spirituale. Hanno creato sette arrivate agli orrori della cronaca o finte religioni che mirano alla totale dipendenza e obbedienza cieca dei fedeli.

Una cosa però è certa. La tua parte divina è dentro di te e nessuno te la può togliere. Se, invece di seguire mode o schemi precostituiti, osservi e riconosci i programmi in cui ti trovi, potrai creare un’alternativa nuova, positiva ed edificante, evolutiva e gratificante, che ti sarà suggerita dalla tua Coscienza Spirituale e dalla creatività che le è propria.

Se rispetti ciecamente e senza farti domande i codici di condotta creati dal videogioco, rimani intrappolato dentro uno schema artificiale; se invece valuti tu cosa è giusto o sbagliato secondo i valori della tua Coscienza, sei presente nella tua parte divina reale. Non è un incoraggiamento a infrangere le regole ma a diventarne consapevoli facendo quello che è giusto negli ambiti di tua influenza. Rompere le regole è controproducente, perché entri in un altro programma artificiale, quello delle loro sanzioni: altra sofferenza e altra energia buona per il videogioco.

Bisogna essere saggi strateghi e conservare la propria energia vitale per se stessi. Fate le cose con Amore, l’energia più potente che ci sia, trasmettetela con la Gentilezza e vedrete che ad ogni azione vi ricaricherete e il sistema vacillerà.

La Coscienza ha dentro di sé tutta la conoscenza divina necessaria per farti fare le scelte giuste senza che tu ti rivolga all’esterno e senza che tu ti danneggi. Non invalidare mai le percezioni della tua Coscienza. Dentro lo senti: quando percepisci che persone e cose sono sincronizzate in Amore e Giustizia, significa che non sei all’interno di un programma. È soltanto attraverso la conoscenza di se stessi che ci si può definire e sentire davvero liberi; tutto il resto è automatismo di programmi interiori che ognuno di noi porta con sé.

Osserva-percepisci-decidi-agisci. #repeat#

Buona vita!

Simona Valesi

 

 

Simona Valesi

Direttore Responsabile di OlisticNews. Giornalista pubblicista, milanese di nascita e californiana d’adozione, ha scritto per diverse testate italiane e statunitensi. Decisa a opporsi all’informazione denigratoria sensazionalista, volutamente...

Vlog Playlists

Meks Flickr

  • Ufer
  • Bridge
  • Ballhaus
  • Training
  • Immediate ceasefire
  • Bats rdv
  • Sombra
  • Garden-party
  • Marco

Meks Social

Collaboratively harness market-driven processes whereas resource-leveling internal or "organic" sources. Competently formulate.

Meks ThemeForest