Si è conclusa domenica 23 giugno, la seconda edizione della Convention di IppocrateOrg “Spazio per essere, spazio per l’Essere” che ha accolto oltre un migliaio di interessati avventori, andando oltre ogni aspettativa nel dare spunti edificanti ed evolutivi per un futuro tutto da ricostruire, su valori assopiti e da rivitalizzare.

Il 22 e 23 giugno, il millenario Dominio di Bagnoli di Sopra si è arricchito della presenza di illustri relatori internazionali e insigni voci nazionali che hanno avuto l’insolito e rivoluzionario compito di creare un ponte tra il mondo misurabile della scienza e della tecnica, da cui provengono professionalmente, alla dimensione coscienziale e animica di cui tutti loro hanno fatto esperienza. Una sfida non da poco per un mondo che si sta avviando verso l’AI, e che riduce tutta l’espressione dell’esistenza a un algoritmo. Si oppone a questo concetto anche Federico Faggin, inventore stesso del microchip, fisico e imprenditore, che afferma: “La fisica dice che siamo macchine, ma in fisica non si trasformano segnali elettrici in sensazioni. Le sensazioni sono sempre state un problema della coscienza”.

Federico Faggin interviene alla tavola rotonda

Insoliti e autorevoli sono i concetti che toccano tutti gli ambiti della vita e che vengono citati come strumento per correggere

Mauro Rango

un mondo che è evidente a tutti non sta funzionando. Nella definizione di un’esistenza giusta ed etica si fa rifermento all’autorità interiore, alla coscienza e consapevolezza, all’io individuale, alla sovranità di se stessi, alla fermezza di una giustizia fatta di valori che si oppone ai dogmi del potere costituito. Mauro Rango, fondatore e presidente dell’associazione IppocrateOrg, racconta come questa rivoluzionaria interpretazione della realtà abbia portato 300 medici nel mezzo dei protocolli fuorvianti covid a curare pazienti, altrimenti abbandonati a se stessi, quando curare era proibito. La missione ippocratica della classe medica è stata così riabilitata portando salute e benessere a più di 70,000 pazienti infettati dal famigerato e strumentalizzato virus, che ora sono parte delle anime riconoscenti che guardano alla prospettiva di un futuro nuovo.

 

Irina Boutourline

Irina Boutourline, vicepresidente di IppocrateOrg e ideatrice all’interno di esso del Progetto Origini, spiega lo scopo di fondo da cui è nato: “Ritrovare e restare fedeli a quei valori che ci fanno stare bene come esseri umani, al di là del contesto culturale e sociale in cui viviamo. Il nostro scopo è rimanere fedeli ai valori, come i medici hanno voluto rimanere fedeli a se stessi curando, perché quello era il compito per cui avevano studiato, e hanno mantenuto la loro luce interiore. E lo hanno fatto anche contro il loro interesse. ORIGINE significa RITROVARE e noi siamo lucciole nel buio. Il giudizio non serve a nessuno”.

A supporto dei tanti progetti in partenza, tra cui quelli per un’alimentazione sana e sostenibile, per un’istruzione che formi l’Essere umano nei suoi valori e diritti inviolabili naturali, per un ambiente sano in cui vivere, coltivare e produrre, e per una rete nazionale di centri informativi territoriali, è stata recentemente costituita la Fondazione Ippocrate – Ecosistema della Moltitudine, che fungerà da contenitore di idee “come un veliero”, spiega l’avvocato e attivista Originale Isabella Masotti, “su cui ognuno sarà libero di salire per intraprendere un viaggio per portare i propri talenti”.

Rappresentativa di questo agire in movimento è la fondazione della Federazione Educazione Istruzione Parentale (FEIP) che si impegna a promuovere tra i più giovani i valori di responsabilità individuale; amorevolezza per sé, gli altri e il pianeta; collaborazione e cooperazione; promozione della cultura e della ricerca; comunità educante; e pedagogia ecosistemica.

Nel frattempo, i percorsi di formazione per i Referenti Territoriali del Benessere (RTB), iniziati nel 2022, sono arrivati alla terza edizione con un totale di circa 3000 RTB formati e pronti per il benefico contagio sul territorio dei valori e gli scopi di IppocrateOrg.

Il rispetto per l’ambiente e la coltivazione senza pesticidi, la cura della persona nel corpo e nello spirito in una visione olistica della medicina, la ridistribuzione delle risorse e il benessere umano al di fuori del mercato, i legami indissolubili e le forze coese per costruire insieme uniti e interconnessi, l’inclusività e la partecipazione nelle finalità e i valori, il rispetto, l’amore, la sospensione del giudizio e il coraggio, l’unicità dell’essere umano e la sua componente pluridimensionale, sono solo alcuni dei concetti sviluppati all’interno degli interventi e delle tavole rotonde che hanno ospitato nomi di grande risonanza internazionale e che hanno sposato e condiviso questa visione del mondo, sicuramente complessa ma auspicabile.

Laboratorio alla Convention

Dal punto di vista del fisico quantistico indiano Amit Goswami, fondatore del Movimento Attivismo Quantistico per una scienza quantistica centrata sulla coscienza, ritiene che sia quest’ultima, e non la materia, il fondamento della vita: “La fonte del cambiamento è la creatività, che non è completa finché non si manifesta in interiorità. Infatti, la creatività non può manifestarsi nella realtà materiale come io non potevo manifestare l’amore per mia figlia solo con lo studio o un calcolo. Lo spirito quantico è l’idea che deve espandersi in un infinito di possibilità. Comprendere questo mi ha reso una persona capace di amare”.

Una realtà materiale che è considerata limitata anche da Faggin: “Esistono diversi tipi di realtà. Una fatta di informazione di tipo classico, che ci permette di comunicare con altri campi come noi, e una più profonda, da cui si crea lo spazio-tempo creato dalla conoscenza di se stessi, che permetterebbe di unire scienza e spiritualità. Se pensiamo di essere solo un corpo ci dimentichiamo della nostra grandezza”. E chi è incaricato di formare i medici ippocratici, Fabio Burigana, medico e direttore della Scuola di Ippocrate, lo esprime così: “La vita deve essere vista come un processo di guarigione. Se si sta bene con l’anima, si sta meglio anche col corpo”.

Il filosofo e ricercatore Marcello Ghilardi, trova una strada già battuta nel dire che “bisogna cambiare se stessi per cambiare il mondo” ma potenzia il concetto descrivendo la filosofia come “un agire continuo tra azione e contemplazione, che diventa creatività nel momento in cui è agita riportando poi alla contemplazione in una continua crescita, che ci insegna a tornare al centro del nostro esistere”.

Ma non solo di pratica filosofica e spirituale si tratta. La teoria idealista e la corretta motivazione si applica anche alla tecnologia usata da Massimo Moretti con la costruzione in 3D di case a basso costo, alle innovazioni ecosistemiche in agricoltura e alimentazione a difesa del consumatore illustrate da Monia Caramma e al partenariato tra micro, piccole e medie imprese ipotizzato da Adarosa Ruffini. Tutto in una visione prospettica di un mondo migliore in cui vivere.

Robert Malone firma il suo libro

Robert Malone, medico, biochimico e ricercatore statunitense che aveva messo in guardia sui rischi dei vaccini a mRNA per il covid-19, conclude il convegno dichiarandosi “stupito di quello che questa comunità è riuscita a fare. Non conosco altro modo di navigare nel futuro se non di esplorare il nuovo senza conoscerlo, ma solo mantenendo dei valori irremovibili, e Ippocrate ha fatto tutto questo. Vi incoraggio a continuare a navigare anche se non sapete dove andrete, ma mantenendo la bussola diritta a favore dell’Italia, dell’Europa e del mondo. Dovete portare tutti con voi”.

E la Moltitudine di Ippocrate ci crede. Si muove. Si espande. Raggiunge. E spaventa.

Ma c’è un prezioso libretto delle istruzioni che dà qualche parola magica per orientarsi. È tutto scritto su La Carta dell’Essenza della Fondazione Ippocrate: futuro, visione, partecipazione, pionieri, Amore, Essenza, ricerca, cooperazione, Moltitudine aperta e non gerarchica, nuove strade, diritti individuali naturali, benessere psicofisico, intuizione, bellezza, felicità, sviluppo dei propri talenti, consapevolezza di sé, rivisitazione delle logiche di profitto, sviluppo e innovazione, operatori del benessere, medicina di scopo, riconoscimento, evoluzione di un’identità personale, progetti di scambio, equa distribuzione delle risorse, diritti umani, nuovi modelli di istruzione, comunicazione.

La Carta dell’Essenza

Già, c’è l’impellenza di comunicare tutto questo. Forse aveva ragione Robert nella sua conclusione. Ci vuole un giornale.

E di questo si occuperà il coordinatore del gruppo comunicazione Massimo Mortarino, che nel suo intervento annuncia la neonata Casa di Ippocrate, che a soli sette mesi dalla sua nascita ha già pubblicato due opere di grande valore: Il Potere del Digiuno di Marco Mattorre e Le Menzogne che il mio Governo mi ha Raccontato di Robert W. Malone.

Una promessa.

Anche leggere è una virtù da riabilitare nel nuovo mondo: “Un bambino che legge sarà un adulto che pensa”, diceva lo psicologo statunitense Jerome Bruner. E c’è tanto bisogno di adulti che pensino. Buon viaggio Moltitudine ippocratica!

Simona Valesi

Simona Valesi

Direttore Responsabile di OlisticNews. Giornalista pubblicista, milanese di nascita e californiana d’adozione, ha scritto per diverse testate italiane e statunitensi. Decisa a opporsi all’informazione denigratoria sensazionalista, volutamente...

Vlog Playlists

Meks Flickr

  • Ufer
  • Bridge
  • Ballhaus
  • Training
  • Immediate ceasefire
  • Bats rdv
  • Sombra
  • Garden-party
  • Marco

Meks Social

Collaboratively harness market-driven processes whereas resource-leveling internal or "organic" sources. Competently formulate.

Meks ThemeForest